Il mio bimbo è viziato?

Standard

Papà si è rifiutato di comprarmi un pupazzetto di Bart Simpson. Mamma voleva, ma papà no, ha detto che sono viziato.

“Perché dovremmo comprarglielo, eh?” ha strillato con mamma. “Perché? Basta che lui apra la bocca e tu scatti sull’attenti”.

Papà ha detto che io non avevo rispetto del denaro, e che se non imparavo fin da piccolo ad averne, allora quando lo avrei avuto?

I bambini ai quali si comprano facilmente pupazzetti di Bart Simpson da grandi diventano delinquenti che vanno a rubare ai chioschi. Allora, al posto del pupazzetto di Bart Simpson, papà mi ha comprato un brutto porcellino di ceramica con una fessura sulla schiena, così finalmente sarei cresciuto onesto, non sarei diventato un delinquente.

Inizia così un racconto breve  intitolato “Rompere il porcellino” di Etgar Keret. Ho letto questo piccolo racconto ormai qualche anno fa, e ci ritorno spesso.

Affronta con ironia e un tocco di assurdo una paura condivisa da molti genitori: il dubbio di stare crescendo un bambino viziato.

Ma cosa vuol dire veramente un bambino “viziato”? E come si fa a “viziare” un bambino? Sono domande molto più complesse di quello che sembra apparentemente.

Comunemente pensiamo a un bambino viziato quando non accetta di vedersi rifiutato qualcosa. Ma bisogna fare delle importanti distinzioni: che cosa stiamo rifiutando a nostro figlio, e perché?

Può darsi che gli stiamo rifiutando qualcosa che per lui è importante e di cui ha bisogno. Magari semplicemente perché è impossibile o pericoloso concederla. Talvolta gli rifiutiamo qualcosa perché per noi è un fastidio o una perdita di tempo, aldilà delle motivazioni del suo desiderio.

vizio

La richiesta di un bambino all’inizio nasce sempre da un suo bisogno, e la nostra risposta deve basarsi sempre sulla comprensione e l’accettazione di quel bisogno, nel rispetto ovviamente dei limiti dell’ambiente e del bambino stesso. Ma se nel tempo le nostre risposte deviano continuamente le richieste del bambino, cercando di modificare il suo comportamento con premi o punizioni, non spiegandogli ostacoli e alternative possibili, lui stesso non distingue più i suoi bisogni naturali.

Maria Montessori diceva:

“No, l’adulto non ha viziato il suo bambino quando gli ha ceduto; ma quando gli ha impedito di vivere e lo ha spinto verso deviazioni del suo naturale sviluppo.”

(da “Il segeto dell’infanzia”, 1999, Garzanti, p. 231)

Voi cosa fareste nei panni della mamma e del papà del bambino che vuole il pupazzetto di Bart Simpson?

Ne parliamo Sabato 29 marzo dalle 10.00 alle 12.00 a Cascina Costa Alta nel Parco di Monza, in un incontro all’interno del percorso Madr&natura.

Annunci

»

  1. Sai che non saprei rispondere alla tua domanda? Nel senso che le mie bimbe non mi chiedono mai simili cose quando siamo in giro… probabilmente non gli interessano! Una cosa che invece mi chiedono spesso sono i libri e su questi la risposta è quasi sempre si a patto che sia uno solo, poi magari spiego che se gli piace proprio un determinato libro possiamo provare a chiedere in biblioteca se lo hanno oppure si può aspettare la prossima occasione.
    Comunque mi capita spesso di vedere scene di richieste insistenti da parte di bambini alle quali i genitori rispondono in malo modo, io cercherei di avere un approccio diverso, basato sul dialogo indipendentemente dal tipo di risposta affermativo o negativo di fronte alla richiesta. Poi il concetto di vizio in questi frangenti proprio non ce lo vedo: non direi che il bambino ha un “malfunzionamento”, ma piuttosto che le nostre aspettative forse non sono corrette.
    Buona notte!

  2. Secondo me la chiave è l’onestà: se manipoli il tuo bambino, non spiegandogli perché certe cose cose non si possono fare/avere, ma cercando di convincerlo che non sono belle/desiderabili etc. se trova chiusura e incomprensione (come dici tu), allora può fare suoi questi atteggiamenti e risultare a sua volta difficile. Ma gliel’abbiamo insegnato noi, non c’è dubbio.

    • Per esempio: il bambino chiede di uscire a giocare, e gli offro di giocare a un gioco nuovo al pc, chiede di stare in piedi ancora un po’, e gli offro di dargli un gelato se poi va a dormire subito etc. … se non diamo mai risposta ai loro bisogni ma li deviamo verso ciò che è più comodo per noi, anche loro poi non capiscono il legame tra un loro bisogno e la possibilità o meno di realizzarlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...