La mia città (quasi) del cuore: Venezia, la città del futuro

Standard

Il caso vuole che la prima volta che partecipo alla Staffetta di Blog in Blog l’argomento è la città, ma non una città qualsiasi: “la mia città del cuore”.

Il primo pensiero è stato di saltare il mese e iniziare dal prossimo argomento. A me non piacciono proprio le città.

Intendiamoci, nelle città ci sono tante cose belle: i musei, gli eventi, i concerti, librerie e negozi specializzati… e io ci vado, ma non mi piacciono lo stesso.

Ma in realtà c’è una città che nonostante tutto mi piace, ed è Venezia.

Mi piace pensare che Venezia sia la città del futuro (se non affonda). Innanzitutto perché grazie al riscaldamento climatico tutte le città del mondo prima o poi finiranno sott’acqua. E poi perché Venezia è preclusa alle auto. Vivere lì per poche settimane mi ha fatto intravedere le potenzialità di una città senz’auto (e senza biciclette, impossibili per le continue scale).

venezia11La vita quotidiana non è facile: la spesa bisogna farla a piedi, le case sono piccole, i giardini un lusso incredibile, il bucato non asciuga mai e non è facile spendere poco.

La vita quotidiana non è facile, ma ha un ritmo e una dimensione molto più umana. Si va in giro a piedi e ad ogni passo è una scoperta: le vie piccole e intricate rendono difficile l’orientamento (almeno per me) e  bisogna essere pronti all’avventura. Dietro ogni angolo (letteralmente) si può nascondere una piazza  deserta, un vicolo cieco, una strada densa di persone, un canale.

I rumori di Venezia sono unici: il “traffico” di trolley sulle strade di pietra non riesce a coprire le voci, le tante voci di persone che rimbalzano tra le calli e si inseguono, formando un coro continuo e mai uguale a se stesso.

I cani girano senza guinzaglio, e anche i loro padroni. C’è pochissimo verde, ma ogni piazza è un punto di incontro e di giochi: monopattini, pattini, palloni…

C’è un ricordo che simboleggia per me tutto il bello di una città come Venezia: un giorno sono capitata in una piazza dove era in corso una festa di compleanno di un bambino. Così, in strada. La mamma aveva messo fuori dalla porta un tavolino con bibite e la torta, aveva appeso qualche palloncino alle finestre e i bambini erano lì davanti, a giocare con il festeggiato.

Come si fa a non amare una città in cui ti perdi in continuazione e ti ritrovi in mezzo a una festa, ad augurare buon compleanno a un bambino sconosciutovenezia21

Ed ecco dove potete visitare le altre città del cuore, in attesa della prossima Staffetta il 15 aprile:

1. Casa Organizzata – http://www.4blog.info/casaorganizzata

2. Federica Rossi – http://mammamogliedonna.blogspot.it/search/label/Staffetta%20di%20blog%20in%20blog

3. Micaela LeMcronache – http://lemcronache.blogspot.it/search/label/Staffetta

4. Federicasole – http://lamiadolcebambina.blogspot.it/search/label/staffetta%20di%20blog%20in%20blog

6. Mamma & Donna – http://www.mammaedonna.info

7. Samanta Giambarresi http://samantagiambarresi.wordpress.com/

8. Il mondo di Cì http://ilmondodici.blogspot.it

9. Aline Persempremamma http://persempremamma.blogspot.it/search/label/dibloginblog

10.Quellocheunadonnadice http://quellocheunadonnadice.blogspot.it/

11. Ferengi in Bruxelles http://ferengibruxelles.wordpress.com/

12. Selima Negro https://timoilbruco.wordpress.com

13. simona elle http://www.simonaelle.com/search/label/Staffetta%20tra%20blog

14. Elisabetta Mattiello http://www.maisonlab.it/

15. Pattibum – http://pattibum.wordpress.com

16.Alessandra – http://fiorievecchiepezze.wordpress.com/

17. Antonellavi – http://ladonnachesono.blogspot.it

18. HOME-TROTTER – http://www.home-trotter.blogspot.it

19. Illustrando un Sogno – http://silviomacca.blogspot.it/search/label/Di%20Blog%20in%20Blog%20-%20Staffetta

20. Lisa – http://lemiepatatelesse.blogspot.it/

21.Désirée Pedrinelli –www.letturealcontrario.com

22. CeciliaKi – http://ckmystyle.blogspot.it

23. Camille Javal http://1bedroom1000segreti.blogspot.it/

24.Before & After http://www.beforeandafterhs.blogspot.it

25. Vita da Stre…Mamma http://curvymommystyle.wordpress.com

26. La Torre di COtone http://www.latorredicotone.com/tag/di-blog-in-blog/

27. Mother of Two http://www.mammadisem.blogspot.com

28. Veronica Zanchi per Livin’+Abroad http://veronicafromusa.blogspot.it/

29. Antonella Marcucci – http://luccaguide.wordpress.com

30. I Viaggi dei Rospi – http://www.iviaggideirospi.com

31. Design Therapy – http://www.designtherapy.it/

32. BLOG A CAVOLO http://blogacavolo.blogspot.it/

33. Vivere a Piedi Nudi http://vivereapiedinudi.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog

34. Il caffè delle mamme http://www.ilcaffedellemamme.it/tag/di-blog-in-blog/

35. Bloc-Notes Viaggi http://bloc-notesviaggi.blogspot.it/

36. Cristina http://udinelamiacittaenonnapina.blogspot.it/search/label/Staffetta%20di%20blog%20in%20blog

37. GeGe Mastucola http://gegemastucola.wordpress.com/category/staffetta-di-blog-in-blog/

38. La Diva delle Curve http://www.divadellecurve.com/search/label/staffetta

39. GocceD’aria http://www.goccedaria.it/tag/goccedaria/staffetta%20blog.html

40. Amarcord Barcellona http://www.amarcordbarcellona.blogspot.com.es/

41. Il Pampano http://ilpampano-designbimbi.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog

42. Ilsaporedelsole www.ilsaporedelsole.it

43. Arianna www.conlemaninelsacher.blogspot.it

44. Mammerri www.mammerri.com

45. Giorgia http://prioritaepassioni.blogspot.it/

46. Claudia http://casadimamma.blogspot.it/

47 Bodò. Mamme con il jolly http://www.bbodo.it/tag/di-blog-in-blog/

»

    • Bè comunque neanch’io vorrei proprio viverci, però ogni tanto farci un giro…anche perché tanti la conoscono con un turismo mordi e fuggi, invece vale la pena veramente fermarsi un po’, non solo per le tantissime bellezze artistiche.

    • E’ che secondo me ogni città è intrinsecamente difficile da viverci, Venezia esaspera alcune di queste difficoltà e nello stesso tempo è una delle città più a misura di bambino che ho visitato.

  1. Eh, si, abbiamo lo stesso sguardo su questa città, come dicevo anche da me, non è facile comprenderla e amarla… e secondo me viverla da turista è limitante, nel senso che si perdono le cose migliori.

    • infatti proprio come te anch’io l’avevo visitata diverse volte con i miei, ma non è la stessa cosa. Io poi ci ho vissuto solo pochi mesi (e a singhiozzo, perché in realtà andavo a trovare il mio compagno che era lì per lavoro), ma sono bastati per capire che viverci è tutta un’altra cosa, nel bene e nel male…

  2. Venezia è la città del cuore della mia mamma e appena possiamo ci facciamo una scappata, lei la conosce molto bene, per questo ogni volta è una magia, scoprire nuovi angoli e respirarne la magica atmosfera senza tempo…

  3. E’ una città simbolo.. quando parlo di lei mi viene sempre una sola parola: unica! Io però vivendoci temo che sarei presa d’assalto dagli attacchi di cervicale.. ohi ohi.

  4. Mi è piaciuto tanto il passaggio sui rumori di Venezia! Non ci avevo mai fatto caso, nonostante ci sia stata svariate volte ed abbia apprezzato tutti i punti di vista che hai descritto…Dovrò quindi tornarci (con immenso piacere) per ascoltarla! BELLISSIMO POST!

  5. Io ci vivo da settembre e sono contenta di sapere che non dovrò viverci per sempre, questo mi consente di gustarmela di più e di sopportare i prezzi, i veneti e l’assenza di un verde che non puzzi di razzista. La mia città è Roma …

  6. Non avevo considerato che la parola “città” vincolasse così tanto, ma è stato molto interessante leggere questo tuo post. Venezia l’ho vista solo da turista e mi piacerebbe tanto tornarci, anche per andare a trovare degli amici. ciao!

  7. Bè, Venezia è Venezia, unica, difficilmente vivibile ma capace di attirarti come il canto delle sirene……..e credo che tu abbia davvero colto ciò che la rende speciale a parte la sua ovvia straordinarietà! Il fatto che girarla a piedi sia un obbligo diventa il suo surplus!

  8. Venezia è la città della pancia! Scoperta calle per calle con il Rospetto di 6 mesi a bordo!! bellissimi ricordi che ritrovo nelle tue parole!

  9. Ci sono stato con i miei amici per capodanno 2013 e sono rimasto affascinato dalle viuzze, dai canali, dai ponti e dal modo di vivere “particolare” che c’è in questa città! Poi un giro in vaporetto puoi farlo solo qui…certo, per la comodità di chi ci abita immagino non sia il massimo, ma ci tornerei molto volentieri! Venezia è una città unica al mondo e ce l’abbiamo noi!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...