Sporco e bello

Standard

Mi capita abbastanza spesso di fare percorsi di manipolazione della terra alla scuola dell’infanzia (3-5 anni) e molto spesso nelle classi c’è almeno un bambino o una bambina a cui non piace sporcarsi le mani. Sono proprio in difficoltà, li vedi che guardano con disagio la terra e si tengono a distanza di sicurezza. Non partecipano all’attività, o fanno finta.

argilla11Una volta pensavo che fossero tutti figli di genitori che li sgridano quando si sporcano. Di quelle mamme che l’ultima cosa che dicono ai loro figli quando li lasciano all’asilo è “Mi raccomando non ti sporcare”. Nipoti di quelle nonne che quando vengono a prenderli commentano per prima cosa lo stato dei vestiti. Insomma di quei genitori che mettono i pantaloni bianchi ai bambini il giorno della gita al parco o alla fattoria didattica.

argilla21

Poi, parlando con un po’ di mamme e di maestre ho capito che non è sempre così. Alcuni bambini tra i 2-3 anni possono attraversare una fase così, in cui gli dà fastidio sporcarsi. Perché stanno imparando a conoscere e prendersi cura del loro corpo. Perché stanno facendo il percorso di spannolinamento, e allora il concetto di sporco richiama tante nuove emozioni.

argilla31Allora non bisogna forzarli, come purtroppo mi capita veder fare da alcune maestre… magari le stesse che però loro la terra non la toccano. Si può proporre delle attività che sporcano poco, come il didò. Farle con loro. Passare ad attività un po’ più sporchevoli, come la manipolazione della farina gialla. Dare la possibilità di usare la tempera con pennelli e timbri. Piano piano si sentiranno a loro agio e arriveranno anche loro a divertirsi con la terra e il fango.

argilla41Però credo proprio che tutto questo si possa prevenire, proponendo tante attività sensoriali e tattili in particolare ai propri bimbi. Insomma non ce lo vedo mio figlio fare lo schizzinoso con la terra. E se poi capitasse anche lui non importa, ricominceremo dai cumuli delle talpe fino ai bagni di argilla verde. Avendo cura di scegliere la colonna sonora giusta.

 

Annunci

»

  1. Ecco le mie bimbe sempre lasciate libere di fare quello che vogliono e toccare ovunque sono così: Elena (2 anni) lo è diventata da poco, nel senso che fino a poco tempo fa era quella che metteva le mani ovunque e si metteva in bocca qualunque cosa, penso stia attraversando la sua fase dell’ordine e che non le piaccia la sensazione dell’umido o dell’appiccicoso (le piace invece l’acqua). Alice (5 anni) invece è sempre stata di suo più attenta, adesso si si tratta di impastare con me lo fa volentieri, anche le cose con i colori a dita (mani e piedi), ma non è di quelli che entusiasticamente si riempie di colore dalla testa ai piedi. Anche nell’orto a volte si tira indietro se c’è da mettere le mani nella terra…

    • Grazie, molto interessante la tua testimonianza: io ci ho messo un po’ a capire che era una fase che molti bambini attraversano, o per alcuni semplicemente carattere.
      Tra l’altro non è che sia un problema, è un peccato solo quando si perdono la possibilità di partecipare ad alcune esperienze. Però credo anche che sia compito di noi genitori ed educatori trovare il modo adeguato per far partecipare tutti, ciascuno con la propria modalità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...